claretta.
Tuesday, August 24, 2010 6:00 AM
in terra, in cielo e anche all'inferno

Per quel vizi

(E.Medail – L.Patruno) È questa l'odissea di Giovanni detto il Coppiper quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann veloce pedalava il suo triciclo verde e rossos'el sonava el campanellghe pareva de vess bell. Guidava il suo triciclo da Sesto alla Bovisatrasporto di rottami di ferro latta e ghisama un giorno che una bionda gli attraversò la strada“mi pianti chì el triciclo me ne freghi e ghe voo adree”per quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann. ma quando tornò indietro il suo triciclo era sparitoper quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann. essendo che i tricicli in de per lor van minga viacertament un quaj sbarbaal'ha sconduu o se l'è grattaa. Un giorno che giocava a bocce col Pierinoil rigolo tirava la boccia sul pallinopassò di lì una bionda vestita di organzinoghe pienti ona sbucciada me ne freghi e ghe voo a drè.per quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann la boccia andò a finire sulla faccia di Pierinoper quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann l'è andada gnanca mal gh'an daa vòtt punt in cù al Pierinolù per grazia del Signor l'è sta pòcch a S. Vittor. Un giorno al quarto piano puliva una ringhieradoveva verniciarla per quella stessa serasi vide passar sotto una bionda capinerala g’ha ona quaj scurlera me ne freghi e ghe voo adree;per quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann si sporse forse troppo e cadde secco nella viaper quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann la salma l'han composta in via Luigi Mangiagallil'han miss fina sul giornalquanti dònn al funeral. Andò su in Paradiso dov'era sempre festai Santi col sorriso scuotevano la testapassò una nuvoletta con una donna biondafaccino da merenda quasi quasi ghe voo adree per quel vizi che a vottant'annel g’ha de corregh adree ai tosann Ma mentre l'inseguiva all'improvvis l'ha sentii un rombo“Giovannin sta minga a corr l'è la mamma del Signor” ma l'era troppo tardi per fermas «ohei che scentrada!»l'ha sentii ‘rivaa un sgiaffone l'è borlaa in del calderon. Laggiù tra il fuoco eterno tra forche e tanta pagliaGiovanni rincorreva le bionde in calzamagliama quando stava quasi per prenderle al suo laccioveniva un diavolaccio el ghe diseva col forcon. Giovannin a vottant'annse po’ nò toccà i tosann. Quel che parla l'è Belzebùte convegn toccaghi pù.
(evita)
Tuesday, August 24, 2010 11:30 AM




ARZILLO, IL VECCHIETTO!!    
  


                                                  




                                                        
iyvan
Tuesday, August 24, 2010 12:40 PM

Questa è la canzone cantata da Brivio (l'unica che ho trovato - il sonoro non è ottimale). Peccato non aver trovata la versione interpretata da Svampa.

http://www.youtube.com/watch?v=yj0ZfHFy9bg


Ripeto anche il testo perchè quello sopra è poco leggibile:

 

Per quel vizi

(E.Medail – L.Patruno)

 

È questa l'odissea di Giovanni detto il Coppi

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann

 

veloce pedalava il suo triciclo verde e rosso

s'el sonava el campanell

ghe pareva de vess bell.

 

Guidava il suo triciclo da Sesto alla Bovisa

trasporto di rottami di ferro latta e ghisa

ma un giorno che una bionda gli attraversò la strada

mi pianti chì el triciclo me ne freghi e ghe voo adree”

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann.

 

ma quando tornò indietro il suo triciclo era sparito

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann.

 

essendo che i tricicli in de per lor van minga via

certament un quaj sbarbaa

l'ha sconduu o se l'è grattaa.

 

Un giorno che giocava a bocce col Pierino

il rigolo tirava la boccia sul pallino

passò di lì una bionda vestita di organzino

ghe pienti ona sbucciada me ne freghi e ghe voo a drè.

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann

 

la boccia andò a finire sulla faccia di Pierino

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann

 

l'è andada gnanca mal gh'an daa vòtt punt in cù al Pierino

lù per grazia del Signor l'è sta pòcch a S. Vittor.

 

Un giorno al quarto piano puliva una ringhiera

doveva verniciarla per quella stessa sera

si vide passar sotto una bionda capinera

la g’ha ona quaj scurlera me ne freghi e ghe voo adree;

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann

 

si sporse forse troppo e cadde secco nella via

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann

 

la salma l'han composta in via Luigi Mangiagalli

l'han miss fina sul giornal

quanti dònn al funeral.

 

Andò su in Paradiso dov'era sempre festa

i Santi col sorriso scuotevano la testa

passò una nuvoletta con una donna bionda

faccino da merenda quasi quasi ghe voo adree

 

per quel vizi che a vottant'ann

el g’ha de corregh adree ai tosann

 

Ma mentre l'inseguiva all'improvvis l'ha sentii un rombo

Giovannin sta minga a corr l'è la mamma del Signor”

 

ma l'era troppo tardi per fermas «ohei che scentrada!»

l'ha sentii ‘rivaa un sgiaffon

e l'è borlaa in del calderon.

 

Laggiù tra il fuoco eterno tra forche e tanta paglia

Giovanni rincorreva le bionde in calzamaglia

ma quando stava quasi per prenderle al suo laccio

veniva un diavolaccio el ghe diseva col forcon.

 

Giovannin a vottant'ann

se po’ nò toccà i tosann.

 

Quel che parla l'è Belzebù

te convegn toccaghi pù.

martinicm
Tuesday, August 24, 2010 1:35 PM

Coccodì coccodá

 Il gallo è morto, il gallo è morto. Il gallo è morto, il gallo è morto. Non canterà più coccodì e coccodà, non canterà più coccodì e coccodà.  E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà! Le coque est mort, le coque est mort. Le coque est mort, le coque est mort. Il ne chanterà plus coccodì e coccodà, il ne chanterà plus coccodì e coccodà. E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà! The cook is dead, the cook is dead. The cook is dead, the cook is dead. He will never sing coccodì e coccodà, he will never sing coccodì e coccodà. E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà! Der ahn ist tod, der ahn ist tod. Der ahn ist tod, der ahn ist tod. Er will nicht mehr krhen coccodì e coccoda, er will nicht mehr krhen coccodì e coccoda. E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà! Noster gallus est mortuus, noster gallus est mortuus. Noster gallus est mortuus, noster gallus est mortuus. Ille non cantabit coccusdis coccusdas,ille non cantabit coccusdis coccusdas.  E co e co e co e coccusdis coccusdas! E co e co e co e coccusdis coccusdas! El gagio es muerto, el gagio es muerto. El gagio es muerto, el gagio es muerto. El non cantarà mas coccodì e coccodà, el non cantarà mas coccodì e coccodà.  E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà! Nostro galloschi mortovoschi, nostro galloschi mortovoschi. Nostro galloschi mortovoschi, nostro galloschi mortovoschi. Niet canteraschì e coccodì e coccodoschi, niet canteraschì e coccodì e coccodoschì.  E co e co e co e coccodì e coccodoschi! E co e co e co e coccodì e coccodoschi! Son staa mì che hoo mazzaa el gall. Te see staa tì che t'hee mazzaa el gall? El m’ha rott i ball col coccodì e coccodà! El m’ha rott i ball col coccodì e coccodà!  E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà! E co e co e co e coccodì e coccodà!

E co e co e co e coccodì e coccodà!

Walter Valdi

iyvan
Tuesday, August 24, 2010 2:02 PM
claretta.
Tuesday, August 24, 2010 7:39 PM
il testo si è ammucchiato dopo la spedizione e non avevo
più il tempo per rimediare, onestamente ho spento il
compiuter senza nemmeno controllare

la canzone è stata scritta per I Gufi, Lino Patruno era allora
il chitarrista del gruppo, Gianni Magni era il mimo, Svampa il
cantante della tradizione dialettale e Roberto Brivio era sia
autore che cantante di testi surreali che mescolavano italiano
e dialetto

Gianni Magni, genovese, mimo della scuola di Strheler,
io avevo visto sul palcoscenico del Piccolo Teatro recitare
nella trilogia Ladri, Manichini e Donne Nude, che fu il primo
lavoro, scritto da Dario Fo e interpretato da Fo, la Rame,
e appunto Gianni Magni

era il 1960 e quello spettacolo inaugurò un'epoca

----------------------------------------------------------------------------------------------

non sono riuscita a trovare video dei Gufi al completo che
eseguono "la santa Caterina" oppure "Bevi Rosmunda"
dove il falsetto e la mimica di Gianni Magni sono davvero
irresistibili

spero che gli esperti di video riescano dove io ho fallito
iyvan
Tuesday, August 24, 2010 10:23 PM
era questo che intendevi?:

 

http://www.youtube.com/watch?v=eGq6AgzSFbE&p=340F1C86E541F4B4&playnext=1&index=17

claretta.
Wednesday, August 25, 2010 10:59 AM
sì, grazie
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:51 PM.
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com