Pages: 1, [2]
(sylvestro)
Thursday, February 02, 2012 6:55 PM
Regno Unito, ancora momento no per l’immobiliare

02/02/2012

[IMG]http://www.monitorimmobiliare.it/public/archivio_foto/2012221525282437_londra.jpg[/IMG]

Settore immobiliare ancora in affanno nel Regno Unito.

Stando, infatti, all’indice Ipd Uk Property, relativo al quarto trimestre del 2011, l’aumento delle difficoltà nel settore delle compravendite ha reso più difficile la situazione del settore secondario, cioè relativo agli immobili più distanti dalle aree metropolitane, che ha perso l’1,9% del suo valore.

Mentre il settore definito prime, cioè relativo a location nelle immediate vicinanze della metropolitana ha visto una crescita minima dello 0,6%.

Fase negativa anche per gli affitti (-0,6%), i cui rendimenti hanno segnato un rallentamento dello 0,1%.
(sylvestro)
Wednesday, February 15, 2012 7:19 AM
Regno Unito, immobiliare ancora in crisi

14.02.2012

[IMG]http://www.monitorimmobiliare.it/public/archivio_foto/london_city.jpg[/IMG]


Ancora un segnale negativo per l'immobiliare britannico.

[IMG]http://img85.imageshack.us/img85/4386/29261623.png[/IMG]

A gennaio l'indice Uk Ipd ha segnato un calo nel rendimento degli affitti dello 0,4%, il più basso dal giugno 2009.

I prezzi degli affitti hanno subito un leggero calo a gennaio, il terzo consecutivo negli ultimi quattro mesi, soprattutto a causa della flessione nella domanda.

I motivi sarebbero da ascrivere all'incertezza che circonda il Regno Unito e la zona euro, e la paura di una caduta in recessione dell'economia britannica.

Anche a Londra i prezzi degli affitti sono diminuiti per la prima volta dall'ottobre 2010.

In particolare, la richiesta di affitto per gli uffici comunali è scesa dello 0,1%, mentre il trend delle locazioni nella periferia di Londra ha visto un aumento minimo dello 0,1%.

A seguire il report completo:
(sylvestro)
Friday, February 17, 2012 7:27 AM
click per ingrandire


(sylvestro)
Tuesday, March 06, 2012 1:43 PM
[IMG]http://img192.imageshack.us/img192/3262/32894794.png[/IMG]
(sylvestro)
Monday, March 19, 2012 10:00 PM
Mar 19, 2012

House price falls continue in most of the UK

United Kingdom house prices

UK house prices rose 1.11% during 2011, according to Nationwide. However in inflation-adjusted terms, UK house prices were actually down by 3.4%, following a series of annual house price drops during the past three quarters.

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-house-prices-graph-1.gif[/IMG]

In early 2009, UK’s housing house prices began to fall due to the global credit crunch. However, house prices recovered in 2010, but fell again in 2011 and continue to be weak, at least nationally:
Nationwide says that average house prices increased by 0.1% over the year to February 2012, to £162,712 (€195,649).
Halifax says house prices declined to February by 1.9% from a year earlier, to £160,118 (€192,530).


There was a surge of first-time buyers in January 2012, with volumes up 22% from a year ago, according to the Council of Mortgage Lenders (CML). However, this was a reaction to the soon-to-be expiration of the first-time buyer stamp duty exemption in March 24, 2012 and is expected to wear off.
A key feature of UK’s housing market is location:

London has had positive house price growth over the past year
the south has had slight price drops;
the midlands and the north have experienced significant price falls.


UK house price falls are likely to continue in 2012, because of the weak economy, low consumer confidence and restricted mortgages, according to Jones Lang LaSalle. The paucity of first-time buyers has also hit transaction levels.

However the vast majority of surveyors reported only modest falls to the Royal Institution of Chartered Surveyors (RICS) Housing Market Survey of November 2011, mostly in the 0 to -2% range. The UK housing market is expected to be broadly flat in nominal terms in coming years, while house prices will be gradually eroded by inflation.

No interest rate hike
Expectations for a rise in the Bank of England’s (BoE) base rate to 0.75% did not materialize, as the BoE decided to keep its record low base rate of 0.5%, in place since July 2011, despite an inflation rate twice the 2% target till December 2011. The low rate will probably remain unchanged until August 2012 according to British Chamber of Commerce (BCC) Chief Economist David Kern. Moreover, an increase of benchmark rate to 1% is expected in Q4 2012 and to 2.25% by end of 2013. Even though the headline CPI remains above the target of 2%, it is a rather improvement from 2011’s average rate of 4.48%.

At the beginning of 2012, the BoE implemented a further £50 billion (€60.12 billion) of quantitative easing. The UK suffers from high unemployment, which rose to 8.4% of the working population, to 2.67 million, according to January’s Office for National Statistics (ONS) report. Economic activity only grew by a 0.8% during 2011, a decline from 2.1% growth in 2010.

The UK’s credit ratings are on the verge of being downgraded from AAA by Moody’s and Fitch. Both have a negative outlook for the UK, warning that the UK should stabilize its public debt at around 94% of GDP by 2014-2015. By the end of January 2012, if financial interventions are included, UK public debt was around 147.3% of GDP.

From boom to doom
In UK property prices peaked in Q3 2007, after huge rises from 1996-2007:

Prices in Northern Ireland rose by 458.6% from Q3 1996 to Q3 2007 (361% in real terms), the highest rise among all the UK regions
Prices in London rose 310% (238% in real terms) during this period.
Price increases in other regions during this period ranged from 194.5% (143% in real terms) for Scotland, to 266% (202% real) for the Outer South East.
The national index rose 259% (196% in real terms) over the same period (all figures from Nationwide).

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-average-house-price-graph-1.gif[/IMG]
United Kingdom home prices

In early 2007 interest rates were raised, and lending conditions tightened. House price falls accelerated in H2-2008, due to the global financial meltdown and the economic recession. The collapse of Iceland’s banking system led to substantial losses for around 250,000 British depositors, exacerbating the situation. The regions that experienced the highest price rises during the boom, generally had the biggest price falls from Q3 2007 to Q1 2009.

The biggest drop occurred in Northern Ireland where house prices fell by 39.8% (-42% real) during the year to Q1 2009. House price falls in other regions ranged from 14.1% (-17.85 real) for Scotland, and 25% (-21.7 real) in East Anglia. London house prices dropped by 19.8% (-23% in real terms).

In Q4 2011, the average London house price was 1.08% up on the previous quarter (0.08% in real terms):

House prices averaged £247,058 (€297,069) in Outer Metropolitan London, and £198,363 (€238,517) in the Outer South East.
Northern Ireland has the cheapest average house prices at £113,614 (€136,612).
East Midlands, Yorkshire & Humberside, North West, Wales and Scotland have relatively cheap house prices, at around £134,000 to £140,000 price range.

Historic low key rate remains unchanged
The Bank of England’s (BoE) key rate has remained unchanged at 0.5% for the past three years. It is the lowest rate in the BoE’s history. The rate is forecast to remain unchanged up to 2015, according to Vicky Redwood, chief UK economist at Capital Economics. Redwood also believes there is the possibility of a bank rate cut to 0.25%.
United Kingdom interest rates and mortgage rates

From 2002 to 2006, the key rate fluctuated from 3.5% to 5%. In 2007, it was raised three 25 basis point steps, leading to a rate of 5.75% in July. Then came the crisis, and in November 2008 the BoE had the biggest rate cut in its modern history, with the key rate slashed 1.5 percentage points to 3%.

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-interest-mortgage-rate-graph-1.gif[/IMG]

Mortgage interest rates have not tracked the BoE’s key interest rate down fully. Interest rates on housing loans were between 5.5% and 6.5% between 2007 and 2008, which the exception of standard variable-rate (SVR) mortgages. Mortgage interest rates then started to inch downward in mid-2008, but the spread between the key rate, and the average mortgage rate, has widened to around 3 – 5 percentage points, from less than one percent in 2006 - 2008.

In January 2012, average interest rates for types of mortgages with 75% loan to value (LTV) were:

3.27% for 2-year fixed rate mortgages (FRMs)
3.77% for 3-year FRMs
4.18% for 5-year FRMs
3.19% for discounted rate mortgages
3.57% for tracker mortgages
4.16% for SVR mortgages

Mortgage market nearing recovery
During the financial crisis many lenders lowered LTV ratios, according to the Council of Mortgage Lenders (CML). By Q3 2010 the average LTV ratio was 77%, with the result that the average new buyer was paying 94% of his income as deposit on his house purchase.

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-outstanding-lending-households-graph-1.gif[/IMG]
United Kingdom oustanding lending for households

This was in dramatic contrast to the boom era, when UK banks commonly extended 90% LTV ratio loans to first-time buyers. In Q1 2007, the average buyer was paying only 37% of income as a deposit.

Tighter lending conditions and declining demand for prime lending is reflected by the outstanding lending’s meagre growth of 0.5% in 2011. Mortgage lending declined to 81% of GDP, from 85% in 2010. In contrast, between 2001 and 2007 outstanding secured lending volumes had risen by more than 10% annually, from 55% of GDP in 2000, to 85% of GDP in 2007.

There was a welcome rise in secured lending at high LTV ratios in 2011. Lenders expect a further slight increase in the availability of secured credit to households in Q1 2012, especially for high LTV ratio borrowers, according to the BoE’s January 2012 “Trends in Lending”.

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-new-gross-mortgage-lending-graph-1.gif[/IMG]
United Kingdom mortgages

Although down by 14% from £12.2 billion (€14.7 billion) in December, mortgage lending in January 2012 was, at £10.5 billion (€12.6 billion), a 10% increase from January 2011’s £9.5 billion (€11.4 billion) total.

This was the 6th month in a row of higher y-o-y lending volumes, according to the CML, but it may be due to temporary factors. It was announced in November 2011 that the stamp duty concession will end on March 24, 2012. The concession exempted first-time buyers from stamp duty on properties up to £250,000 (€300,607).

A“NewBuy scheme” was introduced in March 2012 whereby Barclays, NatWest Home Loans Ltd and Nationwide Building Society offer mortgages of up to 95%, with government support for 100,000 NewBuy properties over three years.

NewBuy operates through cash contributions from builders into a fund to offset the lender’s loss if a borrower defaults and the property can’t be sold above its mortgage value.

Low rental yields

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-gross-rental-yields-graph-1.gif[/IMG]
United Kingdom rents and rental yields

The South West has the UK’s high rental yields at 5.24%, followed by the North West (5.13%) and the combined area of Scotland, Wales and Northern Ireland (5.12%). Prime Central London and has lower yields at 4.88%, and the “Rest of London” has yields of 4.81%. The Midlands does relatively poorly too, at 4.98%. Rental yields in UK fell slightly in the last quarter to 5.02%, from 5.15% in Q3 2011, according to the Association of Residential Letting Agents (ARLA).

Despite strong rental demand, rental growth is moderating, after rather sharp growth during early-2011 because of rising new residential lettings supply.

Rent increases are still occurring in the South East, while rents in London, the South West and the North have stabilized. Nationally, the rental outlook revealed ARLA’s survey is positive (meaning more surveyors believe that rents will increase), but London and the East recently had the first negative net balance since July 2009.

Gross rental yields on flats in Prime Central London range from 4.31% to 4.86%, according to the June 2011 Global Property Guide rental yields survey, with smaller units earning the highest returns. For other luxurious areas in London, gross yields range from 4.10% to 5.54%.

Low housebuilding activity

The UK’s per capita housebuilding rate falls short of international standards, and failed to respond to booming house prices during the boom, due to building regulations and planning constraints. The situation improved during the later years of the boom, but output declined again during the recession. Ironically, this has prevented the housing market suffering a large overhang of properties, a fate shared both by Ireland and Spain.

[IMG]http://www.globalpropertyguide.com/template/assets/img/United-Kingdom-dwellings-completed-graph-1.gif[/IMG]
United Kingdom housing

Increases in population, immigration, and changes in household sizes have all added to the pressure. Despite rapid rise in house prices between 1996 and 2002, housebuilding actually fell during this period. The amount of available land for housebuilding, and the long processing time for development permits, both discourage new building.

A reform of the planning system, relying on local initiatives, is under way to speed the system up and expand the housing supply. Extra funding for local government, depending on the number of new local home units built, is available.

However, the government’s budget constraints are putting all this under threat.

The government is targeting around 240,000 new dwellings annually until 2020. However, the target seems possibly unrealistic, since output over the past 20 years has been around 150,000 dwellings annually. RICS therefore suggests that the long-term outlook inevitably involves severe housing shortages and increasing house prices.

In a discussion paper published in September 2009 by the Town and Country Planning Association (TCPA), researchers warned that at least 250,000 new homes must be built annually to match population growth, to replace the ageing housing stock and the accumulated backlog. Their analysis suggests that the housing deficit may reach one million by the end of 2010.

Homebuilding stagnated at an average of 186,000 new units annually between 1991 and 2003, and from 2004 onwards barely exceeded 200,000 annually (222,490 in 2007). In 2008, the credit crunch combined with falling house prices reduced house building, and less than 100,000 completions took place in 2009.

Housebuilding in the UK today is still only just above half pre-crisis levels.

Heading towards recession?

UK’s economy possibly faces a double-dip recession this year. GDP grew by a measly 0.8% in 2011, a sharp decline from 2010’s 2.1% growth. But industry surveys in recent months have been encouraging, so economists are still unsure if UK’s economy is deteriorating.

Opinion on the issue is divided:

The British Chamber of Commerce (BCC) believes that the UK can avoid the recession
The OECD and Standard Chartered think that Britain will face a double-dip recession. The OECD expects a slump in the first two quarters of 2012, and growth of just 0.5% for the full year.


The possibility of a recession seems to be getting stronger, as in the last quarter of 2011 GDP fell by 0.2% q-o-q.

Last year’s GDP fall was largely caused by a major decline in business investment, as well as a 1.4% decline in production.

Unemployment was about 8.4% in January 2012, the highest number of unemployed since 1994, according to the Office for National Statistics.

In January 2012, the BoE Consumer Price Index rose 3.6%, far above the central bank’s 2% target. BoE governor Mervyn King expects inflation to fall continuously from now on, as the impact of the 2011 VAT increase wears off, and smaller increases in the cost of commodities and oil kick in.
(sylvestro)
Thursday, March 29, 2012 8:14 AM
Com'era quella degli italiani furbi che stavano comprando a man bassa a Londra ...

[IMG]http://img26.imageshack.us/img26/7243/71607894.png[/IMG]
(sylvestro)
Saturday, March 31, 2012 12:41 PM
GB, per l'immobiliare è ancora crisi

[IMG]http://anglotopia.wpengine.netdna-cdn.com/wp-content/uploads/2010/11/800px-England1_144.jpg[/IMG]

Nel mese di marzo nel Regno Unito i prezzi delle case sono calati per la terza volta negli ultimi quattro mesi, perdendo un altro 1%: si tratta del declino più consistente a partire dal mese di febbraio del 2010. E per i prossimi dodici mesi si prevede che restino stabili o in lieve flessione. Lo riporta l'agenzia Bloomberg, che cita i dati diffusi nella giornata di ieri da Nationwide Building Society.

Nel frattempo, la Bank of England fa sapere che in tutto nel mese di febbraio gli istituti di credito hanno erogato poco meno di 49 mila mutui immobiliari: a gennaio erano quasi 58 mila. Negli ultimi otto mesi non si era mai segnalato un dato così basso. Da un lato infatti la domanda è debole, anche perché è appena terminato il periodo di esenzione dall'imposta di bollo che era stato concesso a chi acquistava una prima casa di valore inferiore alle 250 mila sterline. Ma fra le ragioni c'è anche il fatto che le banche hanno imposto condizioni molto più severe per l'accesso al credito.

La crisi, in sintesi, non è finita. L'ha confermato in settimana lo stesso governatore della banca centrale inglese, Mervyn King, che si è soffermato sul fatto che gli istituti di credito – temendo le ripercussioni della crisi debitoria dell'eurozona – cerchino di tutelarsi rafforzando i propri bilanci. Cosa che, dall'altro lato, fa paventare il rischio credit crunch. Per giunta, la fiducia dei consumatori è messa a rischio da un mercato del lavoro ancora in difficoltà. Di conseguenza, in una rilevazione condotta dalla banca centrale di Londra, gli istituti britannici hanno affermato di aspettarsi un ulteriore “lieve” calo della disponibilità di mutui nel secondo trimestre.

30 Marzo 2012
(sylvestro)
Thursday, April 26, 2012 8:10 AM
[IMG]http://img689.imageshack.us/img689/4392/50615725.png[/IMG]
(sylvestro)
Friday, May 04, 2012 3:43 PM
[IMG]http://img210.imageshack.us/img210/2181/anonimoy.gif[/IMG]
marco---
Monday, May 07, 2012 8:45 AM
I prezzi delle case inglesi sempre più giù (Fonte: borsaefinanza.net - di Dino Martini - 07/05/2012)

[IMG]http://img32.imageshack.us/img32/423/ukrealhouseprices.gif[/IMG]

Ci si chiede spesso quando il mercato immobiliare occidentale, soprattutto americano ed inglese, raggiungerà un bottom dal quale ripartire.

Crediamo che la questione non sia tanto legata a quando verrà trovata una base di ripartenza, quando al tempo che il mercato del real estate impiegherà per tornare ad attrarre capitali, forse una decade è un’ipotesi ottimistica.

Il caso inglese è esemplare; dopo un’impressionante bolla speculativa su prezzi delle case, espansione del credito ed investimenti costruttivi irrazionali (con il contagio dei cugini irlandesi), la Gran Bretagna si sta ritrovando in una situazione di deterioramento delle quotazioni sempre peggiore che erode il patrimonio dei cittadini di sua Maestà.

Ad aprile il prezzo delle abitazioni è sceso su base annua dello 0.9%, seguendo un analogo calo realizzato a marzo.

Attualmente il prezzo medio di un’abitazione è sceso a 164 mila Sterline e questo in un contesto artificialmente supportivo per il mercato immobiliare grazie alle esenzioni governative sugli acquisti di prima casa terminati il 31 marzo.

Il grafico estratto dal sito Housepricecrash.co.uk ci fa vedere come la media rialzista dei prezzi nel lungo periodo è stata persa, media attenzione basata su prezzi reali, quindi considerando l’effetto inflattiva attualmente molto presente in Uk con tassi superiori al 3%. Il fenomeno attuale potrebbe essere simili a quello degli anni 90, quando il mercato avviò una lunga fase di accumulazione terminata nel 2000. Quello che ancora manca è una stabilizzazione nei prezzi che possa lasciare pensare quanto meno ad un avvio di questa fase.
(sylvestro)
Thursday, June 28, 2012 10:54 AM
UK: giugno 2012, prezzi case -1,5% su 2011

28/06/2012

[IMG]http://www.monitorimmobiliare.it/public/archivio_foto/2012221525282437_londra.jpg[/IMG]

I prezzi delle case a giugno in Gran Bretagna hanno mostrato un calo dello 0,6% mensile e dell’1,5% annuo, registrando la maggiore flessione in tre anni.

Il ribasso più significativo risale ad agosto 2009 (-2,7%).

I dati sono inferiori alle attese degli economisti, che si aspettavano rispettivamente +0,1% e -0,6%.

Il prezzo medio di un'abitazione si è attestato a giugno a 165.738 sterline.
(sylvestro)
Thursday, August 16, 2012 9:10 AM
Uk: prezzi case destinati ancora a calare

14.08.2012

[IMG]http://www.monitorimmobiliare.it/public/archivio_foto/savills1.jpg[/IMG]

Al Residential property focus di Savills il compito di mettere a confronto il mercato residenziale britannico con quello dei principali Paesi dell'Unione europea.

Spicca, tra le differenze, l'andamento dei prezzi delle case che in Uk ha subito aumenti e poi, in corrispondenza con la crisi economica-finanziaria degli ultimi anni, bruschi cali.

Diversamente è accaduto in area euro, dove i prezzi si sono dimostrati più stabili.

Per i prossimi mesi le previsioni parlano tuttavia di ulteriori abbassamenti delle quotazioni abitative inglesi, a fronte di un aumento degli affitti.

In compenso tiene il segmento abitativo di qualità: nel secondo trimestre di quest'anno a Londra le compravendite che hanno superato i 5 milioni di sterline sono state oltre un centinaio, un risultato record se si guarda agli ultimi 5 anni.
(sylvestro)
Tuesday, August 21, 2012 9:10 AM
marco---
Wednesday, December 19, 2012 5:13 PM
GB, previsioni negative per l’immobiliare (Fonte: valori.it - 19/12/2012)

Il settore immobiliare britannico è già da tempo alle prese con un periodo difficile: e sembra che il 2013 non sarà da meno. Il quotidiano Guardian riporta infatti le stime di diversi analisti e consulenti del settore, che sono pressoché unanimi nel ritenere che il mercato non sia destinato a risollevarsi in tempi brevi.
Si prevede infatti una flessione dei prezzi delle case pari al 4% nell’Inghilterra settentrionale, in Scozia e in Galles, mentre dovrebbero restare stabili nel sud dell’Inghilterra e a Londra. Non si prevedono particolari fluttuazioni nemmeno nel centro di Londra, dove a partire dal 2007 i prezzi sono volati all’incirca del 30% soprattutto per via degli investimenti stranieri. Secondo Martin Ellis di Halifax, alla fine del 2013 i prezzi saranno pressoché allo stesso livello che si registra ora.
Sempre secondo le previsioni riportate dal Guardian, anche il numero di nuove case costruite nel 2013 sarà basso. Per quanto riguarda i mutui, la società di consulenza immobiliare Hometrack stima che nel 2013 si resti al volume attuale di 135-140 miliardi di sterline.
marco---
Tuesday, June 11, 2013 9:59 AM
Nel Regno Unito si torna a parlare di bolla immobiliare
Nel Regno Unito si torna a parlare di bolla immobiliare (Fonte: teleborsa.it - 11/06/2013)

Lo spettro di una nuova bolla speculativa torna ad aleggiare sul settore immobiliare britannico.

Nel mese di maggio i prezzi delle abitazioni nel Regno Unito hanno registrato l'incremento più ampio degli ultimi tre anni, con prospettive di ulteriori aumenti nei prossimi dodici mesi.


L'incremento dei prezzi corrisponde ad un eccesso di domanda dovuta in parte anche ad un piano governativo di accesso al credito per coloro che intendono acquistare la prima casa, chiamato "Help to Buy".
Il governatore uscente della Banca d'Inghilterra, Mervyn King, ha detto nell'ultimo rapporto trimestrale sull'inflazione che è assai importante per il governo limitare il regime di garanzia ipotecaria a due anni, per evitare pressioni inflazionistiche che l'incremento dei prezzi delle abitazioni potrebbero comportare per l'economia.

Il boom di richieste non riguarda solo Londra e il Sud-Est del Paese, ma sembra interessare anche altre regioni.
pax2you
Tuesday, June 18, 2013 9:46 AM
lettura interessante
Ci tengo a segnalare una lettura molto interessante che potrebbe spiegare in modo piu' ampio l'andamento dei prezzi delle case negli ultimi 30 anni non solo in Inghilterra e in uno se non forse il piu' grande paradiso fiscale esistente quale e' Londra(City of London Corporation).

titolo
Le isole del tesoro
autore
nicholas shaxson
editore
feltrinelli


marco---
Thursday, August 01, 2013 3:00 PM
Il mercato immobiliare inglese a rischio bolla (Fonte: idealista.it - 01/08/2013)

Un piano concepito per dare nuovo slancio alla casa, che invece minaccia seriamente di drogare il mercato. Sul banco degli accusati c'è l'help to buy scheme, fortemente voluto dal cancelliere dello scacchiere britannico george osborne e che invece corre il rischio di far nascere una bolla immobiliare nel paese.

Si tratta in realtà della seconda fase di un piano partito qualche mese fa e che prevedeva lo stanziamento di sovvenzioni governative per l'acquisto di case nuove. Da aprile ad oggi sono piovute ben 1,3 miliardi di sterline pubbliche, un fatto che, secondo i più, evidenzia la fame di nuovi alloggi e che risponde ad un'esigenza ben precisa.

La seconda fase del piano prevede ora che lo stato si faccia garante di mutui ipotecari richiesti dai cittadini, con opportune credenziali, per l'acquisto di abitazioni già esistenti.
Lo scopo è quello di consentire l'acquisto di un'abitazione principale utilizzando il 5% di anticipo e il resto a debito. Lo stato si fa garante sul 20% del prestito ipotecario. Questo piano dovrebbe dare nuova linfa al mercato inglese fuori dai confini della capitale, visto che il mercato londinese ha un andamento del tutto particolare.

I detrattori criticano la volontà di estendere, a partire dal 1 gennaio 2014, il piano anche agli immobili già esistenti. Si tratterebbe di una pura speculazione per permettere a osborne di vincere le elezioni sulla base del consenso per l'impennata (gonfiata dei prezzi).
marco---
Saturday, August 24, 2013 10:50 AM
Inghilterra: prezzi in crescita
Il real estate inglese crede nella ripresa: in crescita i prezzi (Fonte: Il Sole 24 Ore - di Nicol Degli Innocenti - 24/08/2013)

Estate all’insegna dell’ottimismo per il mercato immobiliare britannico. I dati puntano tutti in un’unica direzione: prezzi in ascesa, aumento della domanda, rilancio del mercato. La maggiore fiducia nelle prospettive dei settore riflette la speranza di una ripresa economica duratura. In pochi Paesi infatti le sorti del mercato sono di cruciale importanza come in Gran Bretagna, dove le case sono di gran lunga il maggiore investimento che i cittadini fanno: il patrimonio immobiliare rappresenta oltre metà dei 7.300 miliardi di ricchezza nazionale e, nonostante la crisi, il suo valore è quadruplicato negli ultimi vent’anni. Le cifre dei vari sondaggi variano ma dipingono tutte lo stesso quadro: secondo l’indice di Right Move, il maggiore del settore, i prezzi a livello nazionale sono saliti del 5,5% nell’ultimo anno, mentre secondo Halifax nell’ultimo trimestre l’incremento è stato dei 4,6% e secondo Nationwide dcl 3,9 per cento. La Royal Institution of Chartered Surveyors (Rics) sottolinea che i prezzi stanno aumentando al ritmo più sostenuto da sette anni e che il settore «ha ormai svoltato l’angolo», lasciandosi alle spalle la crisi. Il segnale più positivo secondo gli esperti è che l'aumento della domanda e dei prezzi è ora un fenomeno nazionale e non più solo londinese...
pax2you
Sunday, August 25, 2013 7:33 AM
Re: Inghilterra: prezzi in crescita
marco---, 24/08/2013 10:50:

Il real estate inglese crede nella ripresa: in crescita i prezzi (Fonte: Il Sole 24 Ore - di Nicol Degli Innocenti - 24/08/2013)

Estate all’insegna dell’ottimismo per il mercato immobiliare britannico. I dati puntano tutti in un’unica direzione: prezzi in ascesa, aumento della domanda, rilancio del mercato. La maggiore fiducia nelle prospettive dei settore riflette la speranza di una ripresa economica duratura. In pochi Paesi infatti le sorti del mercato sono di cruciale importanza come in Gran Bretagna, dove le case sono di gran lunga il maggiore investimento che i cittadini fanno: il patrimonio immobiliare rappresenta oltre metà dei 7.300 miliardi di ricchezza nazionale e, nonostante la crisi, il suo valore è quadruplicato negli ultimi vent’anni. Le cifre dei vari sondaggi variano ma dipingono tutte lo stesso quadro: secondo l’indice di Right Move, il maggiore del settore, i prezzi a livello nazionale sono saliti del 5,5% nell’ultimo anno, mentre secondo Halifax nell’ultimo trimestre l’incremento è stato dei 4,6% e secondo Nationwide dcl 3,9 per cento. La Royal Institution of Chartered Surveyors (Rics) sottolinea che i prezzi stanno aumentando al ritmo più sostenuto da sette anni e che il settore «ha ormai svoltato l’angolo», lasciandosi alle spalle la crisi. Il segnale più positivo secondo gli esperti è che l'aumento della domanda e dei prezzi è ora un fenomeno nazionale e non più solo londinese...



Consiglio vivamente di dare un occhiata ai rapporti originali:
www.housepricecrash.co.uk/graphs-index.php

Questo quello che dicono sul +3,9% di Nationwide:
nationwide
marco---
Sunday, August 25, 2013 9:57 AM
Re: Re: Inghilterra: prezzi in crescita
pax2you, 8/25/2013 7:33 AM:

Consiglio vivamente di dare un occhiata ai rapporti originali:
www.housepricecrash.co.uk/graphs-index.php

Questo quello che dicono sul +3,9% di Nationwide:
nationwide

Grazie per il link, ottimo suggerimento! [SM=g1750826]
Alcuni dati, nel grafico ho aggiunto le linee orizzontali e verticali.

[IMG]http://imageshack.us/a/img546/4918/vqo.gif[/IMG]

[IMG]http://imageshack.us/a/img832/5825/5zb.gif[/IMG]
marco---
Saturday, September 28, 2013 10:51 AM
Inghilterra prezzi case su del 5% si teme la bolla immobiliare (Fonte: Libero - 28/09/2013)

MATTONE Cresce il rischio di una bolla immobiliare in Gran Bretagna I prezzi degli immobili a settembre sono cresciuti dello
09% su base mensile e dei 5% su anno, segnando il record degli ultimi tre anni. A Londra i prezzi delle case sono saliti del 10%. La Banca d’Inghilterra ha predisposto un piano d’azione pronto a scattare ai primi segnali di scoppio della bolla.
marco---
Thursday, October 31, 2013 9:10 AM
In Europa si sta gonfiando la bolla della casa (Fonte: avvenire.it - di Pietro Saccò - 31/10/2013)

A Londra il prezzo medio delle case in vendita è salito del 10% solo a settem­bre. La crescita – registrata da Rightmo­ve, primo portale immobiliare inglese – è davve­ro incredibile: a questi ritmi le quotazioni im­mobiliari della City raddoppierebbero entro la prossima estate. Ma anche se si guarda il dato del trimestre, meno volatile, si ottiene un dato fe­nomenale: +5,6%. E non parliamo di proprieta­ri avidi che hanno fissato prezzi stellari facendo fuggire gli acquirenti. Tutt’altro: a Londra le ca­se vanno via con il pane.

Spiega Miles Shipside, direttore del portale: «Alcuni agenti riferiscono che c’è una febbre da acquisto in certe zone del centro di Londra, con una disponibilità di case da comprare così scarsa che spesso loro riman­gono senza niente da vendere». Londra non è l’Italia, dove l’immobiliare è in pes­sima forma, ma non è nemmeno il Regno Uni­to. Nel senso che fuori dalla capitale l’aumento dei prezzi richiesti c’è ma è un più tranquillo +3,8% (in un anno, non in un mese). In alcune regioni come il Galles o West Midlands le quota­zioni sono addirittura in calo, e questo nono­stante il governo, attraverso il programma “Help to Buy”, aiuti i cittadini a comprare casa.

C’è un motivo. Non sono solo gli inglesi a fare shopping del mattone londinese, ma soprattutto gli oli­garchi russi, gli emiri arabi e gli imprenditori ci­nesi. Tutti in cerca dell’appartamento di lusso tra Chelsea e Notting Hill anche come bene rifugio davanti a un futuro incerto in cui una delle po­che certezze è che la City rimarrà la capitale del­la finanza europea. In questo la bolla immobiliare londinese non è troppo diversa da quella che si sta gonfiando altrove. Per esempio a Shanghai, dove i prezzi delle case nuove – ha scritto Bloom­berg – sono saliti del 12% solo in una settimana...
marco---
Friday, January 03, 2014 1:43 PM
Nuove bolle immobiliari in vista, il regno unito nel mirino (Fonte: idealista.it - 03/01/2014)

L'ombra di nuove bolle immobiliari minaccia la nostra economia. c'è chi ha lanciato l'allarme e guarda con preoccupazione alla situazione presente in varie parti del mondo: regno unito, hong kong, singapore, cina, israele, per non parlare delle principali città di turchia, india, indonesia e brasile

come riportato da un articolo firmato da manuel caraballo callero e pubblicato su inbestia.com, ecco quali sono i segnali che fanno presagire l'avvento di una bolla immobiliare

- il rapido aumento del prezzo delle case;

- la crescita del divario esistente tra il reddito delle famiglie e il prezzo delle abitazioni;

- il veloce indebitamento delle famiglie, causato da una politica monetaria espansiva con tassi di interessi bassi

nell'articolo l'autore ha spiegato che il regno unito è tra quei paesi che si sono impegnati nella creazione volontaria di bolle per rilanciare l'economia, andando però incontro a gravi rischi.
il cancelliere dello scacchiere george osborne si è presentato davanti al parlamento per parlare in tono trionfale della situazione economica del paese con un tasso di crescita del 5% del pil e un tasso di disoccupazione sceso del 7,5%, nonostante la politica di austerità messa in piedi dal governo negli ultimi mesi. le prospettive di crescita del 2,4% per quest'anno confermano la correttezza della politica economica del governo. il problema, però, non è tanto qual è al momento la situazione nel regno unito, ma quanto essa sia sostenibile nel tempo

prendendo in considerazione alcuni parametri, il quadro che ne risulta sembra essere questo:
- gli stipendi sono stabili, mentre la produttività diminuisce;
- gli investimenti nell'economia non finanziaria rimangono stagnanti, nonostante la crescita del pil, e provengono esclusivamente da investimenti nel settore immobiliare e nel consumo interno;
- se i consumi aumentano e i salari rimangono stabili, vuol dire che l'aumento dei consumi deriva dalla riduzione del risparmio o dall'aumento del debito delle famiglie

per capire ciò che sta accadendo nel regno unito bisogna considerare il ruolo che londra ha nella sua economia. l'incremento di massa monetaria ha fatto sì che le banche possano disporre di una maggiore liquidità, a prezzi più bassi, che alimenta l'investment banking. piuttosto preoccupante, poi, è la politica perseguita dalla banca d'inghilterra, chiamata "funding for lending"

sembra che il governo britannico abbia deciso di creare una bolla immobiliare per rilanciare l'economia del paese, sottovalutando però i pericoli. quando una bolla immobiliare esplode in un paese, le cause hanno sempre un'origine comune e le conseguenze sono sempre le stesse: una crisi economica che finisce per colpire anche gli altri settori

e nel caso del regno unito il problema è: il governo è consapevole delle possibili conseguenze della politica economica perseguita?
marco---
Sunday, May 04, 2014 9:55 AM
Londra, prezzi delle case su del 10% (Fonte: La Repubblica - 04/05/2014)
marco---
Wednesday, May 28, 2014 9:06 AM
La bolla immobiliare di Londra affosserà l’Europa (Fonte: linkiesta.it - 28/05/2014)

Un porto sicuro e sempre più affollato. In Gran Bretagna una casa su quindici viene venduta per una cifra che supera il milione di sterline, un milione e duecentomila euro. I dati di Nationwide, la più grande società di costruzioni del Paese, parlano chiaro: il registro delle proprietà immobiliari indica che il numero di case acquistate per più di 500mila sterline è passato dal 13% del 2007 al 25% del 2013, quelle per l’appunto oltre un milione di sterline dal 3% di sette anni fa al 6,5% del totale registrato l’anno scorso. Secondo Nationwide, l’asticella del prezzo medio di un’abitazione ad aprile si è alzata a quota 183.577 sterline, con un aumento dell’1,2% rispetto a marzo scorso.

Non chiamatela bolla immobiliare. Commentando il balzo dell’inflazione immobiliare, più 11% nell’ultimo anno — ai massimi da sette anni — Sir John Cunliffe, vicedirettore del Comitato per la stabilità finanziaria della Bank of England, ha spiegato laconico: «È un film che abbiamo visto più di una volta, qui in UK», aggiungendo però che la crescita dei prezzi «non si è ancora accompagnata a un sostanziale aumento del debito aggregato legato ai mutui, sebbene i mutui concessi stiano crescendo e ci sono segnali che i debiti inizino ad essere più concentrati». Significa che le banche sono tornate a prestare fino a quattro volte il salario annuale di chi richiede il mutuo.

Mark Carney, il governatore della Bank of England, ha detto: «Il boom dei prezzi delle case pone una seria minaccia alla ripresa economica», aggiungendo: «Saremmo preoccupati se ci fosse una rapida crescita dei mutui concessi rispetto al valore stimato degli immobili (loan to value ratio, ndr)..abbiamo notato che sta crescendo e lo stiamo monitorando da vicino». Se per la prima volta negli ultimi dieci mesi l’inflazione tendenziale è salita ad aprile dell’1,8%, i salari sono aumentati soltanto dell’1,3% nello stesso lasso di tempo.

A Londra la situazione è fuori controllo. Questo grafico, elaborato da Reuters, evidenzia come negli ultimi dieci anni il tasso di crescita annuale dei prezzi degli immobili a Londra sia stato del 17%, contro una media dell’8 per cento. Si tratta del “London premium”, ben visibile se si fa un giro nella via più costosa del mondo, Kensington’s Palace Gardens, dove si concentra quello 0,1% di “plutocrati” che secondo Chrystia Freeland, giornalista di Reuters, influenza le regole del gioco del mercato globale creando lo stesso livello di disuguaglianze di fine ‘800.

Le ragioni dietro al “London premium” sono tre: la crisi economica europea, lo schema “help to buy” e il fisco benevolo. Ad esempio, agli italiani culturalmente piace il mattone: secondo i dati riportati dal Telegraph e riferiti al 2012, la loro spesa complessiva si è assestata a quota 408 milioni di sterline per il 2011, in crescita esponenziale rispetto ai 185 milioni del 2010. Come gli italiani – 12mila persone nel 2013 secondo l’Aire – anche spagnoli, greci e portoghesi sono approdati sulle rive del Tamigi. Spesso comprando casa. Per non parlare degli arabi e dei russi, che hanno contribuito a rendere pressoché inaccessibili intere aree di Chelsea, Notthing Hill e South Kensington, ma anche Angel e Islington. La seconda ragione è lo schema “help to buy”. Funziona in due modi: nel primo il governo inglese garantisce la parte eccedente l’80% del mutuo che un compratore accende. A sua volta, il compratore può accendere il mutuo depositando soltanto il 5% del prezzo della casa.

Nel secondo, che vale per gli immobili di nuova costruzione, tramite un deposito del 5% è possibile accendere un mutuo chiedendo al governo un prestito pari al 20% del valore dell’immobile, che non matura interessi nei primi cinque anni. Esempio: per comprare un appartamento da 200mila sterline basta depositarne 10mila e chiedere al governo un prestito da 40mila, accendendo un mutuo da 150mila. In tanti ne hanno approfittato, sebbene il primo ministro David Cameron - che si è detto pronto a intervenire riducendo il livello di 600mila sterline «se ce lo chiederà la Bank of England» — rivendichi che l’85% degli aderenti allo schema abbia acquistato un immobile fuori Londra, dal valore medio di 185mila sterline.

Un porto sicuro e sempre più affollato. In Gran Bretagna una casa su quindici viene venduta per una cifra che supera il milione di sterline, un milione e duecentomila euro. I dati di Nationwide, la più grande società di costruzioni del Paese, parlano chiaro: il registro delle proprietà immobiliari indica che il numero di case acquistate per più di 500mila sterline è passato dal 13% del 2007 al 25% del 2013, quelle per l’appunto oltre un milione di sterline dal 3% di sette anni fa al 6,5% del totale registrato l’anno scorso. Secondo Nationwide, l’asticella del prezzo medio di un’abitazione ad aprile si è alzata a quota 183.577 sterline, con un aumento dell’1,2% rispetto a marzo scorso.

Non chiamatela bolla immobiliare. Commentando il balzo dell’inflazione immobiliare, più 11% nell’ultimo anno — ai massimi da sette anni — Sir John Cunliffe, vicedirettore del Comitato per la stabilità finanziaria della Bank of England, ha spiegato laconico: «È un film che abbiamo visto più di una volta, qui in UK», aggiungendo però che la crescita dei prezzi «non si è ancora accompagnata a un sostanziale aumento del debito aggregato legato ai mutui, sebbene i mutui concessi stiano crescendo e ci sono segnali che i debiti inizino ad essere più concentrati». Significa che le banche sono tornate a prestare fino a quattro volte il salario annuale di chi richiede il mutuo.

Mark Carney, il governatore della Bank of England, ha detto: «Il boom dei prezzi delle case pone una seria minaccia alla ripresa economica», aggiungendo: «Saremmo preoccupati se ci fosse una rapida crescita dei mutui concessi rispetto al valore stimato degli immobili (loan to value ratio, ndr)..abbiamo notato che sta crescendo e lo stiamo monitorando da vicino». Se per la prima volta negli ultimi dieci mesi l’inflazione tendenziale è salita ad aprile dell’1,8%, i salari sono aumentati soltanto dell’1,3% nello stesso lasso di tempo.

A Londra la situazione è fuori controllo. Questo grafico, elaborato da Reuters, evidenzia come negli ultimi dieci anni il tasso di crescita annuale dei prezzi degli immobili a Londra sia stato del 17%, contro una media dell’8 per cento. Si tratta del “London premium”, ben visibile se si fa un giro nella via più costosa del mondo, Kensington’s Palace Gardens, dove si concentra quello 0,1% di “plutocrati” che secondo Chrystia Freeland, giornalista di Reuters, influenza le regole del gioco del mercato globale creando lo stesso livello di disuguaglianze di fine ‘800.

Il London Premium

Le ragioni dietro al “London premium” sono tre: la crisi economica europea, lo schema “help to buy” e il fisco benevolo. Ad esempio, agli italiani culturalmente piace il mattone: secondo i dati riportati dal Telegraph e riferiti al 2012, la loro spesa complessiva si è assestata a quota 408 milioni di sterline per il 2011, in crescita esponenziale rispetto ai 185 milioni del 2010. Come gli italiani – 12mila persone nel 2013 secondo l’Aire – anche spagnoli, greci e portoghesi sono approdati sulle rive del Tamigi. Spesso comprando casa. Per non parlare degli arabi e dei russi, che hanno contribuito a rendere pressoché inaccessibili intere aree di Chelsea, Notthing Hill e South Kensington, ma anche Angel e Islington. La seconda ragione è lo schema “help to buy”. Funziona in due modi: nel primo il governo inglese garantisce la parte eccedente l’80% del mutuo che un compratore accende. A sua volta, il compratore può accendere il mutuo depositando soltanto il 5% del prezzo della casa.

Nel secondo, che vale per gli immobili di nuova costruzione, tramite un deposito del 5% è possibile accendere un mutuo chiedendo al governo un prestito pari al 20% del valore dell’immobile, che non matura interessi nei primi cinque anni. Esempio: per comprare un appartamento da 200mila sterline basta depositarne 10mila e chiedere al governo un prestito da 40mila, accendendo un mutuo da 150mila. In tanti ne hanno approfittato, sebbene il primo ministro David Cameron - che si è detto pronto a intervenire riducendo il livello di 600mila sterline «se ce lo chiederà la Bank of England» — rivendichi che l’85% degli aderenti allo schema abbia acquistato un immobile fuori Londra, dal valore medio di 185mila sterline.

LEGGI ANCHE
Il pericoloso boom immobiliare della Cina profonda

Gabriele Battaglia / China Files

La terza ragione è clamorosa: per le case di proprietà, dunque non acquistate per poi essere affittate (buy to let, ndr), la tassa sui capital gain non si applica sugli ultimi 18 mesi di permanenza prima della vendita. Peccato che il 70% delle nuove costruzioni sono state acquistate da stranieri, dicono i dati di Savills, tra i principali broker londinesi. Ragion per cui il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, ha annunciato da aprile 2015 l’introduzione di una tassa sulle compravendite tra stranieri. D’altronde, la campagna elettorale è alle porte.

Insomma, Londra è diventata il “porto sicuro” per chi da fuori Europa vuole investire nel mercato immobiliare del Vecchio Continente, ed ecco quindi che lo spettro dello scoppio di una bolla immobiliare si fa sempre più all’orizzonte. Non è tanto un problema di “se scoppierà”, ma di quando. E la riprova è in questo grafico elaborato da Bloomberg e da Nationwide: cicli storici che si ripetono.

A ben vedere i problemi sono essenzialmente due. Da un lato la ristrettezza del mercato, ovvero semplicisticamente, le case di pregio a Londra non sono infinite, e dato che l’acquisto, specie da parte degli stranieri (anche italiani), è stato effettuato in un’ottica prettamente d’investimento, è chiaro che ai primi segnali d’inversione di tendenza – che in realtà in parte si stanno già verificando con rendimenti derivanti dagli affitti più vicini al 4% piuttosto che al 5 per cento – le case con proprietari non british saranno vendute molto velocemente, anche con sconti significativi, perché non sono abitate stabilmente da chi le possiede.

L’altro ordine di forte preoccupazione è la volatilità delle valute, e le turbolenze dei mercati: non va dimenticato difatti, che a 8mila chilometri di distanza è sempre più forte la preoccupazione per la bolla immobiliare cinese, il cui scoppio potrebbe generare il collasso della finanza internazionale. Risultato? Anche in questo caso chi ha investito in case che non abita si porrà l’obiettivo di andare all’incasso, uscendo dalle immobilizzazioni legate al mattone per avere liquidità da poter investire in altri mercati (immobiliari o meno), accendendo un domino molto pericoloso anche per i mercati limitrofi.

Ecco spiegato perché ad essere inquieto è anche l’Ocse che in un recente report si è detto molto impensierito dall’impennata dei prezzi degli immobili a Londra, e degli interventi finora limitati messi in campo dal Governo britannico e dalla Banca d’Inghilterra.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:49 AM.
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com