Full Version: Franco Gasparri
Print   Search   Utenti   Join    
Mikayla Dryadia
Tuesday, December 12, 2006 6:37 PM
attore che ottenne una fama grandissima negli anni '70 grazie ai fotoromanzi e ai film di "Mark il poliziotto"....
morto credo due anni fa completamente dimenticato...

posto qui un articolo di www.mondoculto.com che ricorda con affetto questo bravo e sfortunato attore...io lo adoravo!!!
Alla domanda di una fan nel 1974, “Che cosa ti esalta?”, rispondeva così: “Una corsa in moto”. Erano i tempi d’oro del fotoromanzo, che coincidevano con il suo enorme successo, ma mentre correva sul raccordo anulare con la sua Kawasaki 900 il destino gli preparava il conto. Nel ‘73 si era diffusa la falsa notizia che Franco Gasparri e Pierre Clement (altro attore di fotoromanzi) fossero morti; centinaia di lettrici avevano scritto e telefonato alla Lancio preoccupate per la sorte dei loro beniamini: bufala o premonizione? (Come Franco, anche Pierre Clement è stato molto sfortunato: tra la vita e la morte per diverso tempo a causa di un’embolia scoppiata durante un’immersione subacquea, dopo essersi ripreso dall’intervento alla testa morì poi realmente in capo a un anno). “Ero bello, ricco, famoso, spensierato, pieno di speranze e di progetti, felice. A un tratto tutto questo è finito”, così Gasparri ricordava il momento del terribile incidente avvenuto il 4 giugno del 1980. Se n’è andato il 28 marzo di due anni fa, a soli 51 anni, nell’indifferenza generale (da notare che in diverse occasioni alcuni produttori americani avevano cercato di realizzare un film sulla sua vita, proponendogli di interpretare se stesso sul grande schermo). Nei funerali tenutisi nella chiesa di San Pio V a Roma, è stata la gente comune a ricordarlo con immenso affetto: i colleghi, le lettrici affezionate e i tifosi della squadra del cuore, la Lazio, ne hanno pianto la prematura scomparsa. Costretto sulla sedia a rotelle, da quasi quattro lustri Franco passava le sue giornate con discrezione, dedicandosi alla riabilitazione, alla lettura, alla cura dei suoi fiori e dei suoi cani, alla visione dei western preferiti, amorevolmente accudito dalla madre e dalle due figlie dopo la tragica morte della bella moglie Stella. Nato a Senigallia il 31 ottobre del ’48, si era trasferito ben presto a Roma con la famiglia: il fratello Franco Junior, più giovane di lui di una decina di anni, la madre Violetta e il padre Rodolfo, pittore e illustratore di grande talento, autore di alcuni dei manifesti dei più noti film degli anni ’50, tra cui figurano diversi titoli di Gianfranco Parolini. Fu sognando davanti a quei cartelloni per lui così familiari che nacque la passione per il cinema; partecipò prima come comparsa ad alcuni film di genere peplum-mitologico per prendere confidenza con il set, poi partì per il servizio militare. Congedatosi, fece dei provini per alcune case editrici di fotoromanzi (il primo ruolo che gli venne affidato fu quello di un carabiniere!). Ci provò anche con la Lancio che fu la prima a credere in lui, malgrado all’inizio col taglio di capelli da naja non fosse proprio il massimo. Poi i capelli crebbero… E anche il suo fascino, e le quotazioni salirono alle stelle. Fu un susseguirsi di successi incredibili nelle pagine delle riviste Lancio, lette da milioni di fan in tutto il mondo. E i produttori cinematografici, avendo fiutato l’affare, cominciarono a fargli una corte serrata. L’intenzione era quella di portare sullo schermo i personaggi che lo avevano reso famoso, come Ken Rogers, l’investigatore privato della fortunata serie “Le Avventure Di Jacques Douglas”, ma Franco, schivo e riservato, non volle mai rifare il verso alla casa editrice per cui provava una riconoscenza enorme, e si dedicò al cinema solo tra un fotoromanzo e l’altro, quando gli fu finalmente proposto qualcosa di convincente. Interpretò “La Preda” e “La Peccatrice” entrambi con la splendida Zeudi Araya, ma la grande occasione che aspettava giunse con una fortunata serie poliziesca. Il regista Stelvio Massi gli affidò il ruolo di protagonista (il bel personaggio di Mark Terzi/Patti, commissario della squadra narcotici) in “Mark Il Poliziotto”, successo poi bissato da “Mark Colpisce Ancora” e “Mark Il Poliziotto Spara Per Primo” (i cui cartelloni portavano la firma del padre Rodolfo). Franco fu scelto proprio grazie alla sua notorietà e alla sua bravura ma nessuno, neanche nelle più rosee previsioni, avrebbe mai previsto un così clamoroso successo di botteghino. “Mark Il Poliziotto” costò solo 208 milioni e incassò in un solo mese la bellezza di 7 miliardi di lire. A Milano, location di uno dei capitoli della trilogia, l’albergo ove Gasparri alloggiava fu letteralmente preso d’assalto da una folla scatenata di ammiratrici. Il fotoromanzo ha conosciuto il suo momento di massimo splendore proprio negli anni ‘70, di pari passo al successo di questo incredibile personaggio amato sia dalle donne che dagli uomini. Franco era di più di due bellissimi occhi verdi, era l’amico che tutti avremmo voluto avere, un uomo sportivo (praticava equitazione, pesca e calcio), molto alla mano, discreto, sensibile e di sani principi. I colpi di testa li riservava soltanto alle pagine dei fotoromanzi, dove ad ogni avventura aveva accanto una partner diversa, sempre brava e bellissima: Michela Roc, Paola Pitti, Maria Antonietta (anche lei tragicamente scomparsa qualche anno fa), Katiuscia, Barbara De Rossi, Claudia Rivelli e sua sorella Francesca - anche lei passata al cinema con successo con il nome di Ornella Muti - nel fotoromanzo preferito da Franco, “Troppo Piccola Per L’Amore”, Ornella non aveva che quattordici anni. In circa dieci anni di fotoromanzi Franco ha interpretato personaggi di ogni tipo, dal falegname al dirigente di industria, dallo scrittore all’investigatore privato (vedi la riuscitissima ed avvincente serie “Le Avventure Di Jacques Douglas”, ottimo cocktail di ironia e suspence). Studiava i suoi personaggi nei minimi particolari, per dare sempre il meglio di sé; credeva moltissimo nel fotoromanzo, il cui livello culturale era notevolmente cresciuto dagli albori dei primi e criticati “giornaletti per massaie” degli anni ’50, e voleva dimostrarne l’evoluzione. Franco era un simbolo degli anni ’70 (non a caso fu eletto uno dei primi cinque uomini di successo italiani di quel decennio), riceveva migliaia e migliaia di lettere per le quali aveva riservato un’intera stanza di casa sua. Le sue fan gli sono state di grande conforto nel momento della disperazione, dopo il terribile incidente che lo aveva inchiodato senza speranza ad una sedia a rotelle, e gli hanno dato quella forza interiore che continuò a trasmettere nonostante tutto ai suoi familiari: la moglie Stella (scomparsa a causa di una terribile malattia circa sette anni fa) e le figlie Stellina e Luna. Ciao Franco, dimenticarti sarà impossibile…
www.mondoculto.com
elluas59
Tuesday, December 12, 2006 11:51 PM
Piaceva molto anche a me, nonostante fossi un maschietto, leggere i fotoromanzi e mi piaceva molto Franco Gasparri.
Sapevo dell'incidente e della sua tragica fine.
Grazie dell'articolo. [SM=x520497] [SM=x520508]
principenero717
Wednesday, December 13, 2006 2:53 AM
Era un grande, detto da uomo un gran bell'uomo.

Mi spiace sia morto così, dimenticato da tutti. [SM=x520527]
Guapix
Wednesday, December 13, 2006 9:06 AM
E chi non lo adorava? [SM=x520485] eravamo tutte innamorate di lui.
Mikayla Dryadia
Thursday, December 14, 2006 7:03 PM
Re:

Scritto da: Guapix 13/12/2006 9.06
E chi non lo adorava? [SM=x520485] eravamo tutte innamorate di lui.



vero...è rimasto il mio ideale di uomo per molto tempo....

Guapix
Friday, December 15, 2006 8:22 AM
Re: Re:

Scritto da: Mikayla Dryadia 14/12/2006 19.03


vero...è rimasto il mio ideale di uomo per molto tempo....




Anche il mio.
domiix
Sunday, April 29, 2007 1:47 PM
Devo dire che all'epoca ero un pò prevenuto nei confronti di Franco Gasparri. Era un divo dei fotoromanzi e pensavo che quella fosse la sua unica dimensione.
Invece "Mark il poliziotto" mi piacque molto e ancora oggi, rivedendolo, lo considero uno dei migliori polizieschi che siano stati fatti in Italia.
elluas59
Sunday, April 29, 2007 11:37 PM
Re:

Scritto da: domiix 29/04/2007 13.47
Devo dire che all'epoca ero un pò prevenuto nei confronti di Franco Gasparri. Era un divo dei fotoromanzi e pensavo che quella fosse la sua unica dimensione.
Invece "Mark il poliziotto" mi piacque molto e ancora oggi, rivedendolo, lo considero uno dei migliori polizieschi che siano stati fatti in Italia.



Ti quoto poichè anche io avevo lo stesso pregiudizio, poi è venuto il film che tu citi a eliminare questo pregiudizio. [SM=x520497]
grazie Domenico per la tua memoria che tanto ci aiuta. [SM=g27811]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:30 AM.
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com