Pages: [1], 2
Palestro
Thursday, June 22, 2006 12:31 PM

LECCE - Un militare è morto e altri tre sono rimasti feriti in un incidente avvenuto durante le esercitazioni dell'Esercito in località Torre Veneri, a pochi chilometri da Lecce. A quanto si è saputo sembrerebbe che un carrarmato si sia rovesciato su un fianco investendo il povero soldato e i suoi commilitoni; forse il carrarmato ha preso pure fuoco ma le notizie finora sono ancora frammentarie e discordanti. Presto l'Esercito diffonderà un comunicato ufficiale.
(22-06-2006)
Giovanni71
Thursday, June 22, 2006 1:06 PM
Dal sito www.tgcom.it

Lecce, militare muore in incidente
Esploso proiettile di un carro armato



Un militare è morto e altri tre sono rimasti intossicati in modo non grave in un incidente avvenuto durante esercitazioni che truppe dell'Esercito stanno facendo nel poligono di Torre Veneri, sulla costa a pochi chilometri da Lecce. Sembra che sia esploso il proiettile di un carro armato "Ariete", provocando una nube di gas nocivi. La vittima è il capormaggiore Mario Visconti, 20 anni, di Monteroni di Lecce.

Sul posto è arrivato il magistrato della procura di Lecce, Emilio Arnesano, mentre una inchiesta è stata avviata anche dalla procura militare. La zona dell'incidente è stata presidiata da esercito e carabinieri. Sul posto anche i vigili del fuoco.

Palestro
Thursday, June 22, 2006 1:38 PM
LECCE - Un militare di 22 anni, Marco Bisconti di Monteroni di Lecce, è morto e altri tre sono rimasti feriti in un incidente avvenuto durante le esercitazioni al poligono di tiro della Scuola di cavalleria dell'Esercito in località Torre Veneri, a pochi chilometri da Lecce.

I militari sedevano all'interno di un carro armato quando si è sprigionato un incendio nella cabina di guida. E' morto il pilota; sono sopravvissuti il capocarro e gli altri due ufficilai che erano al cannone. Le loro conidizioni non sono gravi. Sembra che dopo aver sparato, il "fondello" di un proiettile non sarebbe finito nella scatola di recupero, e l'elevata temperatura del residuo, circa 800 gradi, avrebbe fatto esplodere altre munizioni.

Aperte due inchieste: una della magistratura ordinaria di Lecce, una parallela della procura militare. Sequestrato e messo a disposizione dei periti il carro armato che ha preso fuoco: è della serie Ariete di ultima generazione, dotato di sistemi antincendio automatici. "La vera dinamica dell'incidente - ha detto un portavoce dell'Esercito - potrà dircela solo l'indagine della magistratura".
Giovanni71
Thursday, June 22, 2006 2:59 PM
Gli occupanti del carro erano allievi ufficiali della Scuola d'Applicazione di Torino.
Il pilota sicuramente era in servizio alla Scuola di Cavalleria.
Non è riuscito ad aprire la botola, che è risultata però perfettamente funzionante.
easyand
Thursday, June 22, 2006 5:00 PM
[IMG]http://img.photobucket.com/albums/v101/He219/notgonnadothismuchlonger/more/30552062.jpg[/IMG]
fabio simbola
Thursday, June 22, 2006 6:35 PM
This Post has been considered not proper to the forum policy and has been lightly censored by Moderator(s)
If you want to read contents of censored posts click here
easyand
Thursday, June 22, 2006 6:38 PM
domanda, ma l'ariete non dovrebbe avere un sistema antincendio ad halon?
fabio simbola
Thursday, June 22, 2006 7:33 PM
This Post has been considered not proper to the forum policy and has been lightly censored by Moderator(s)
If you want to read contents of censored posts click here
maxsona
Thursday, June 22, 2006 8:08 PM
Signor fabio simbola scommettiamo che se andiamo a cercare anche il Leo 2 e l'Abrams hanno fatto qualche vittima ?
Pierantonio
Thursday, June 22, 2006 9:02 PM
Il carro ARIETE è dotato di un sistema di soppressione degli incendi a gas halon con azionamento automatico tramite vari sensori posti sia nel vano motore che nella camera di combattimento. L'impianto è a sua volta diviso in due sottoimpianti indipendenti, ognuno dei quali ha il compito di estinguere eventuali incendi che si sviluppassero nelle due citate zone del carro. I due sottoimpianti hanno in comune la centralina di comando posta nella camera di combattimento e la maniglia a strappo esterna da azionarsi in caso d'emergenza.
L'impianto è alimentato direttamente dalle batterie di bordo e quindi è sempre attivo, anche con il commutatore di marcia posizionato su "OFF".

L'impianto si compone di due sistemi indipendenti:

- vano motore dotato di:
- un sensore ottico per il rilevamento fiamma nello scafo
- due sensori ottici per il rilevamento fiamma nel gruppo motore
- tre cavi termosensibili
- due estintori (posizionati nel vano equipaggio)


- vano equipaggio

- tre sensori ottici per il rilevamento di incendo ed esplosione
- tre estintori (uno nel vano equipaggio e due in torre)

[IMG]http://www.ferreamole.it/images/mbt_ariete/m132_026.jpg[/IMG]


[IMG]http://www.ferreamole.it/immagini/incendio/torretta.jpg[/IMG]

I sensori sono posizionati in modo da coprire insieme agli estintori le zone dove sono collocate le riservette munizioni.

La centralina di comando e di controllo situato alla sinistra del posto di pilotaggio è costituita da:

luce spia 1^ scarica vano equipaggio
luce spia 1^ scarica vano motore
luce spia 2^ scarica vano equipaggio
luce spia allarme antincendio e 2^ scarica vano motore
interruttore 2^ scarica manuale vano equipaggio
interruttore 2^ scarica manuale vano motore
luce spia presenza alimentazione
pulsante prova lampade
pulsante RESET

[IMG]http://www.ferreamole.it/immagini/incendio/centralina.jpg[/IMG]

[IMG]http://www.ferreamole.it/immagini/incendio/centralina2.jpg[/IMG]

Incendio od esplosione nel vano equipaggio: funzionamento del sistema antincendio

In caso di incendio o innesco esplosione nel vano equipaggio, l'impianto istantaneamente comanda la scarica automatica di due bombole.
Si accenderà quindi la spia che segnala il primo intervento dell'impianto con la scarica delle bombole.
L’intervento viene inoltre segnalato dall’accensione del led rosso sulla cassetta distributrice di toni che provvede a diffondere attraverso l’impianto interfonico un segnale acustico d'emergenza.
Dopo circa due secondi si attiva, anch'esso automaticamente, l'impianto NBC per provvedere alla ventilazione del vano equipaggio.
Nel caso di mancato spegnimento dell'incendio, di nuovo incendio o d'innesco esplosione, l'impianto comanda automaticamente la scarica della terza bombola.
Contemporaneamente si accende la spia che segnala il secondo intervento dell'impianto con la scarica della relativa bombola.

[Modificato da Pierantonio 22/06/2006 21.52]

Pierantonio
Thursday, June 22, 2006 9:26 PM
Re:

Scritto da: Palestro 22/06/2006 13.38
...
Sembra che dopo aver sparato, il "fondello" di un proiettile non sarebbe finito nella scatola di recupero, e l'elevata temperatura del residuo, circa 800 gradi, avrebbe fatto esplodere altre munizioni.
...



Penso che una detonazione del munizionamento stivato nella riservetta a fianco del pilota (la più grande) avrebbe comportato la distruzione del carro con conseguente enucleazione della torretta.
Ciao
Lpoz
Thursday, June 22, 2006 11:43 PM
domanda...
quanto costa il singolo carro??
in termini di costo per l'esercito??
non è per esere veniale, ma perchè, su un giornale on line, politicamente schierato, ho letto, che il costo è di 10 ml di €...
maxsona
Friday, June 23, 2006 12:23 AM
Non è specificato euro, il tutto è fazioso, al massimo sono lire.
Bricchetto
Friday, June 23, 2006 2:08 AM
Re:

Scritto da: Lpoz 22/06/2006 23.43
domanda...
quanto costa il singolo carro??
in termini di costo per l'esercito??
non è per esere veniale, ma perchè, su un giornale on line, politicamente schierato, ho letto, che il costo è di 10 ml di €...



costa 1/4 di quanto afferma il sito dei "buoni".
Bricchetto
Friday, June 23, 2006 2:21 AM
Erano 2 sten della Scuola d'Applicazione che sparavano, con un Ten. Col. (come dice il tg [SM=x75460] ).
"Il bossolo è uscito fuori per cadere nella apposita scatola, ma se ne sono spezzate alcune parti che hanno appiccato l'incendio al vicino munizionamento".

Allora, il carro non è andato a fuoco. Lo capirebbe pure il Commissario straordinario della Federcalcio [SM=x75473] .
Il resto dell'equipaggio è rimasto intossicato. Succede in un incendio, ma pure se inali il gas degli estintori.
Il resto dell'equipaggio è schizzato via alla velocità della luce, il pilota (il povero carrista caduto) non ha fatto a tempo o non è riuscito ad aprire la sua botola. Se l'avesse aperta non aveva che sollevare di peso e spostare la torretta. Facile.

Una serie di quesiti:
Sarà che il fumo era l'impianto d'estinzione e il caporale è morto per averlo inalato?
Quanto tempo ci vuole per morire in quel modo? non meno di due minuti. La botola non si poteva evidentemente aprire con la torretta in quella posizione. Immagino che l'Ariete abbia la botola inferiore per il pilota. Ma immagino pure che il caporale si sia accorto solo troppo tardi che c'era un incendio o che c'era l'impianto di estinzione in funzione.
Quando se n'è accorto tossiva, non vedeva ed era in preda al panico.
In quei due, ma in realtà tre minuti, nessuno che sia entrato per girare la torretta a mano e tirarlo fuori di lì? C'è il passaggio tra vano della torretta e scafo. Nessuno ci ha pensato? Si, probabilmente, ma non se la sono sentita perché credevano stesse per esplodere tutto. E gli estintori degli altri carri?
E invece secondo me, c'erano pezzi di fondello incandescente, qualche fiammella, e tanto gas estinguente. Niente fuoco.

Faccio solo il ragionamento a logica.

Ma che bell'Esercito.

[Modificato da Bricchetto 23/06/2006 2.29]

Bricchetto
Friday, June 23, 2006 2:23 AM
Re:

Scritto da: maxsona 22/06/2006 20.08
Signor fabio simbola scommettiamo che se andiamo a cercare anche il Leo 2 e l'Abrams hanno fatto qualche vittima ?



Bisogna vedere chi ci stava sopra. E intorno.
Giovanni71
Friday, June 23, 2006 7:46 AM
Pierantonio, ha detto che l'impianto antincendio dell'Ariete è ad halon.
Ho frequentato un corso antincendio, e so che l'halon non è più a norma in quanto considerato nocivo.
The Trooper
Friday, June 23, 2006 9:04 AM
"Il bossolo è uscito fuori per cadere nella apposita scatola, ma se ne sono spezzate alcune parti che hanno appiccato l'incendio al vicino munizionamento"

Non è possibile invece che la carica contenuta del bossolo non si sia completamente esaurita prima dell'apertura dell'otturatore e del conseguente rientro in camera di combattimento del bossolo "quasi" esaurito? Anche una piccola quantità di materiale esplosivo può comunque generare una nube di fumo non indifferente.

Per esperienza personale...mi è capitato più di una volta di trovarmi in mezzo al fumo senza le adeguate protezioni (=autoprotettore): una situazione del genere provoca bruciore agli occhi e mancanza di respiro, dovuta sia alle sostanze che respiri sia al forte calore legato alle fiamme. Di conseguenza ansia ed agitazione crescono in maniera non indifferente. Anche la perdita del "contatto visivo" con il resto della squadra amplifica ulteriormente queste sensazioni, e sottoposti ad uno stress simile capirete anche voi quant'è difficile reagire rapidamente...figuriamoci poi se sei seduto nel posto guida di un carro armato.

Come dice bene Pierantonio, se ci fosse stato un'incendio con conseguente esplosione delle riservette munizioni (e poi quanti proietti erano stivati nel carro?) del carro sarebbe rimasto ben poco.

Ultima osservazione: la percentuale di rischio dovuto al mancato afflusso di ossigeno al cervello aumenta del 7/10% ogni minuto...fate voi i conti...

Per Giovanni71: esatto, il gas Halon 1301, pur essendo un'eccellente agente di spegnimento è da qualche anno al bando causa buco dell'ozono. Non so con che periodicità vengono revisionati gli impianti antincendio dei carri, quindi non ti so dire se all'interno delle bombole degli Ariete ci sia ancora Halon, però potrebbe darsi che siano stati ricaricati con agenti sostitutivi dell'Halon come l'Eptafluoropropano, che ha proprietà (quasi) simili, ma non arreca danni all'ambiente.

Le mie condoglianze alla famiglia del Carrista caduto.

Ciao

[Modificato da The Trooper 23/06/2006 9.08]

PaoloAR15
Friday, June 23, 2006 9:44 AM
Re:

Scritto da: Lpoz 22/06/2006 23.43
domanda...
quanto costa il singolo carro??
in termini di costo per l'esercito??
non è per esere veniale, ma perchè, su un giornale on line, politicamente schierato, ho letto, che il costo è di 10 ml di €...



Se ho capito bene dove e' schierato detto giornale, raramente sanno (e scrivono...) di che cosa stanno parlando.

PaoloAR15
Friday, June 23, 2006 9:50 AM
Re:

Scritto da: maxsona 22/06/2006 20.08
Signor fabio simbola scommettiamo che se andiamo a cercare anche il Leo 2 e l'Abrams hanno fatto qualche vittima ?



Oh signur...
Lpoz
Friday, June 23, 2006 11:33 AM

Si trovava a bordo di un carro Ariete, un mezzo costruito in Italia che costa 10 miliardi ad esemplare e che, pur avendo dato fin dall´inizio della sua entrata in servizio problemi di affidabilità, è usato anche nella missione a Nassiriya.



questo è quanto scritto...
io ho fatto confusione nel riportare ciò che hanno scritto, ma loo ce lamettono tutta, per incasinare...
si riferiscono alle lire o all'euro??
Pierantonio
Friday, June 23, 2006 11:39 AM
I miei dati parlano di Halon ma questo potrebbe non esser più vero date le osservazioni fatte da chi conosce la meteria. Peraltro è da vedere se quando e come la sostituzione del gas avviene ovvero se essa è prevista in occasione delle varie manutenzioni o se è stata effettuata con un programma specifico.
Mi era stato detto che qualche anno fa gli impianti di condizionamento dei CENTAURO erano stati svuotati per sostituire il gas con uno "ecologico" [SM=x75466] e che nel frattempo gli equipaggi si cucinavano dentro i mezzi. [SM=x75453]

Detto questo dalla stampa odienran sembra che il tutto sia stato innescato dalla mancata combustione dell'inntero bossolo che al momento dell'apertura dell'otturatore (automatica dopo lo sparo) ha provocato una fiammata all'interno della torre.
Penso che il fondello abbia collaborato ben poco a questo.
Sempre la stampa riporta che subito dopo si è sprigionata una nube di fumo.
A questo punto penso che la fiammata sia stata regolarmente rilevata dai sensori all'infrarosso presenti in torretta e di conseguenza si sia innescato il sistema antincentio (1^ scarica) che forse è quello che ha causato il fumo.
Si potrebbe anche pensare che il fumo visto all'esterno sia quello espulso dal sistema NBC che è intervenuto poco dopo.
Sulla stampa si ipotizza anche che il povero Bisconti sia stato colto da malore per cui non è riuscito ad uscire dal carro.
Il fatto che le ustioni di uno dei carristi siano tutto sommato lievi e che Bisconti sia stato estratto vivo dal carro e (sembra) non gravemente ustionato, conformerebbe ulteriormente che il carro non si è incendiato.
La morte quindi potrebbe essere dovuta ad inalazione di gas e sarà da vedere se la colpa è del proiettile difettoso o dell'impinato.

Per quanto ne so non vengono effettuate da nessuno esercitazioni di abbandono del carro in situazione di emergenza e specificatamente in caso d'incendio a bordo. Feci tempo fa una domanda specifica presso un reggimento ma la risposta fu una scrollata di spalle.
Evidentemente certe problematiche non sono considerate importanti anche se, esperienza personale, entrare ed uscire dal carro non è cosa da poco.
Comuque il pilota ha abbastanza spazio per uscire dal suo portello superiore anche con la torretta ad ore 12.
Sempre che, come mi risulta accada in altri reparti, essendo in atto i tiri a carro fermo, non stesse sonnecchiando! [SM=x75454]

E' stata inoltre confermata la presenza a bordo di un tenente colonnello (del quale si fa anche il nome). Posso ipotizzare che si trattasse quindi del carro comando dato che il veicolo non era solo.

Ciao

[Modificato da Pierantonio 23/06/2006 11.46]

PaoloAR15
Friday, June 23, 2006 11:39 AM
Re:

Scritto da: Lpoz 23/06/2006 11.33

Si trovava a bordo di un carro Ariete, un mezzo costruito in Italia che costa 10 miliardi ad esemplare e che, pur avendo dato fin dall´inizio della sua entrata in servizio problemi di affidabilità, è usato anche nella missione a Nassiriya.



questo è quanto scritto...
io ho fatto confusione nel riportare ciò che hanno scritto, ma loo ce lamettono tutta, per incasinare...
si riferiscono alle lire o all'euro??



Secondo me non lo sanno nemmeno loro.

Ma ipotizzerei 10 miliardi del vecchio conio: un carro non puo' costare quanto mezza finanziaria aggiuntiva...
Pierantonio
Friday, June 23, 2006 11:43 AM
Re:

Scritto da: Lpoz 23/06/2006 11.33

Si trovava a bordo di un carro Ariete, un mezzo costruito in Italia che costa 10 miliardi ad esemplare e che, pur avendo dato fin dall´inizio della sua entrata in servizio problemi di affidabilità, è usato anche nella missione a Nassiriya.



questo è quanto scritto...
io ho fatto confusione nel riportare ciò che hanno scritto, ma loo ce lamettono tutta, per incasinare...
si riferiscono alle lire o all'euro??



Non occorre andare a spasso per il web per conoscere questo dato in quanto è presente anche su Ferrea Mole [SM=x75450] e si tratta di un dato ufficiale.
Il costo finale per ogni carro di è 2.912.300 euro (chiavi in mano, ovvero con le dotazioni e quant'altro necessario per renderlo operativo).
Ciao
Lpoz
Friday, June 23, 2006 1:09 PM
sarebbe il caso, i far notare qind, a quei "giornalai"(come son definiti su un'ltro forum), l'erore..
quasi quasi gli mando un mail... [SM=x75479] [SM=x75479]
Bricchetto
Friday, June 23, 2006 1:12 PM
Re:

Scritto da: Pierantonio 23/06/2006 11.39
(...)
La morte quindi potrebbe essere dovuta ad inalazione di gas e sarà da vedere se la colpa è del proiettile difettoso o dell'impinato.

Per quanto ne so non vengono effettuate da nessuno esercitazioni di abbandono del carro in situazione di emergenza e specificatamente in caso d'incendio a bordo. Feci tempo fa una domanda specifica presso un reggimento ma la risposta fu una scrollata di spalle.
Evidentemente certe problematiche non sono considerate importanti anche se, esperienza personale, entrare ed uscire dal carro non è cosa da poco.
Comuque il pilota ha abbastanza spazio per uscire dal suo portello superiore anche con la torretta ad ore 12.
Sempre che, come mi risulta accada in altri reparti, essendo in atto i tiri a carro fermo, non stesse sonnecchiando! [SM=x75454]

E' stata inoltre confermata la presenza a bordo di un tenente colonnello (del quale si fa anche il nome). Posso ipotizzare che si trattasse quindi del carro comando dato che il veicolo non era solo.

Ciao

[Modificato da Pierantonio 23/06/2006 11.46]




Hai ragione, chi sa perché (l'ora notturna?) pensavo alla torretta a ore 6.

Comunque, rimango all'antica. Record stagionale di velocità linea di tiro-direzione esercitazione.
[foto dal repertorio ferreamole.it]

[IMG]http://i5.tinypic.com/15e7b0i.jpg[/IMG]

[IMG]http://i5.tinypic.com/15e7brc.jpg[/IMG]

[Modificato da Bricchetto 23/06/2006 13.15]

maxsona
Friday, June 23, 2006 5:17 PM
Re:

Scritto da: Lpoz 23/06/2006 13.09
sarebbe il caso, i far notare qind, a quei "giornalai"(come son definiti su un'ltro forum), l'erore..
quasi quasi gli mando un mail... [SM=x75479] [SM=x75479]


Io l'ho fatto, mandatela anche voi
maxsona
Friday, June 23, 2006 5:17 PM
Re: Re:

Scritto da: PaoloAR15 23/06/2006 9.50


Oh signur...


[SM=x75443] [SM=x75443]
Red Dragon 00
Saturday, June 24, 2006 2:13 AM
Esprimo tutto il mio rammarico per la scomparsa del giovane Carrista caduto a Lecce ieri 23-06-2006.
Alla sua famiglia e all'arma dei Carristi, va un affettuoso pensiero.
Chi vuole associarsi lo faccia qui:
max trid.
Saturday, June 24, 2006 3:30 PM
Un militare che cade nell'adepimento del proprio dovere merita il nostro massimo rispetto. Anche in caso di incidenti fortuiti. Purtroppo di questo troppo spesso vengono dimenticati.
la max trid.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:59 AM.
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com