Print | Email Notification    
Author
Facebook   4 passi tra Valtellina, Engadina e val VenostaLast Update: 9/28/2009 10:00 AM
9/25/2009 3:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 48
Registered in: 9/9/2008
Junior User
OFFLINE
Breve riassunto del percorso più lungo e più bello della mia carriera ciclistica.
Mercoledi, 23/09/2009
Lunghezza: 186Km (95Km di asfalto, 79Km sterrato, 12Km sentieri non sempre pedalabili)
Dislivello: 3200m
Tempo effettivo di marcia: 10h 37'

Partenza alle ore 6:30 da Sfazu (1622m), piccola località lungo la strada che da Poschiavo sale al passo Bernina.
Data la stagione avanzata devo procedere per mezzora con fanalino posteriore e pila frontale.
Arrivo dopo circa 50min al passo Bernina dove il primo sole illumina il pizzo Cambrena.
[IMG]http://img28.imageshack.us/img28/2060/p1000560.jpg[/IMG]

Dopo essermi oppurtunamente vestito (temperatura 5°) riparto per percorrere quasi tutta l'Engadina fino a Scuol (80km).
Lungo da discesa dal Bernina è d'obbligo la foto della testata della val Morteratsch. Immancabile un po' di nostalgia per il mio passato alpinistico quando ho scalato più volte quasi tutte le cime visibili.
[IMG]http://img43.imageshack.us/img43/6052/p1000562u.jpg[/IMG]

Arrivo a Scuol alle 10:05 in perfetta tabella di marcia, nonostante una breve sosta a Zernez.
[IMG]http://img34.imageshack.us/img34/1697/p1000566b.jpg[/IMG]

Dopo una breve sosta per cambiare abbigliamento (qui ci sono 18°) in vista della lunga salita verso il passo Costainas, riparto verso 10:20.
La prima parte della salita si svolge su una comoda strada asfaltata su pendenze mai superiori al 10% e vari tratti pianeggianti.
[IMG]http://img36.imageshack.us/img36/6455/p1000569g.jpg[/IMG]
[IMG]http://img43.imageshack.us/img43/6438/p1000571o.jpg[/IMG]

In seguito la strada diventa sterrata ma con un fondo perfetto (fattibile anche in bdc) fino al piccolo paese di S-Charl.
[IMG]http://img21.imageshack.us/img21/1659/p1000572o.jpg[/IMG]

Da qui la strada, chiusa al traffico motorizzato, si inoltra per
altri 8Km nella verde e quasi pianeggiante valle Costainas fino all'alpe Astras: il fondo è ancora abbastanza buono ma sconsigliabile alle bdc.
[IMG]http://img28.imageshack.us/img28/1566/p1000576.jpg[/IMG]

Dopo l'alpe Astras altri 2Km di sentiero pedalabile al 95% conducono al passo Costainas (2251m).
[IMG]http://img34.imageshack.us/img34/1232/p1000578oh.jpg[/IMG]

La prima parte della discesa verso la val Monastero (laterale della Val Venosta, culminante nel passo del Fuorn) è estremamente ripida, sconnessa e sassosa: decido di percorrere 500m a piedi anche se qualche acrobata della mtb sarebbe sicuramente sceso in sella.

Questo è sicuramente tra i paesi più corti del mondo.
[IMG]http://img28.imageshack.us/img28/1298/p1000584.jpg[/IMG]

Arrivato a Valchava mi fermo per una breve sosta pranzo. Sono già abbastanza stanco e mi mancano ancora 1500m di salita più un lungo tratto pianeggiante di cui non conosco ancora l'esatta lunghezza.
La tentazione di valicare il passo del Fuorn e prendere a Zernez il trenino rosso fino al passo del Bernina, è grande. Alla fine decido di non mollare e mi avvio verso il doss Radond. La salita non è durissima anche se sterrata e a tratti piuttosto ripida (max 15%) ma i 130Km già percorsi si fanno sentire e l'ora è piuttosto calda. Il pensiero poi di dover affrontare OBBLIGATORIAMENTE un altro valico ancora più duro mi demoralizza ulteriormente.
Alla fine, però, raggiungo in poco più di 1 ora anche il doss Radond(2234m): nonostante tutto ancora 650m/h di VAM mi fanno pensare di non essere ancora arrivato alla frutta.
[IMG]http://img43.imageshack.us/img43/5005/p1000585a.jpg[/IMG]

Segue una lunga e veloce discesa lungo la verdissima val Mora. La bicicletta è sicuramente il mezzo ottimale per raggiungere questa valle decisamente recondita: chiusa al traffico motorizzato e decisamente lunga da percorrere a piedi (15km). Gli ultimi 3Km prima di raggiungere il confine italo-svizzero al passo di Val Mora sono su un sentiero spesso abbastanza esposto e ghiaioso con alcuni brevi tratti da percorrere a piedi.
Al passo di Val Mora inizia il lungo tratto pianeggiante che mi conduce costeggiando le dighe di Fraele e Cancano e la successiva ex-decauville fino ad Arnoga.Questo tratto che avevo abbastanza sottovalutato è in realtà lungo quasi 25Km e mi ritrovo ad affrontarlo quasi tutto con un fastidioso vento contrario.

Arrivo ad Arnoga (località lungo la strada che conduce al passo del Foscagno) poco dopo le 16 e decisamente affaticato. Fortunatamente posso ancora contare su 3 ore di luce e mi mancano soltanto 700m di salita. Mi riposo circa mezzora all'unico bar-albergo di Arnoga.
Inizio la salita molto lentamente ma dopo una decina di minuti le gambe ricominciano a girare abbastanza bene.

La cima di Piazzi.
[IMG]http://img297.imageshack.us/img297/6742/p1000588z.jpg[/IMG]

Le cime di Lago Spalmo.
[IMG]http://img36.imageshack.us/img36/3053/p1000593u.jpg[/IMG]

Quella che temevo essere la salita più dura della giornata si rivela, invece, abbastanza agevole: i primi 5Km sono asfaltati mentre i restanti 4 sono sterrati ma non superano mai il 12% ed il fondo è un poco sconnesso ma solido. In meno di un'ora mi ritrovo al rifugio val Viola.
[IMG]http://img28.imageshack.us/img28/2143/p1000598.jpg[/IMG]

Al rifugio termina la strada ed inizia un sentiero poco ripido ma pedalabile solo a tratti per il fondo molto sconnesso: ormai il valico ormai è vicino e preferisco riposare le gambe affrontando questi ultimi 20min di salita a piedi.
Finalmente il passo di val Viola.
[IMG]http://img34.imageshack.us/img34/6109/p1000604n.jpg[/IMG]
Dai miei ricordi da escursionista temevo che la discesa dal passo val Viola (2489m) al rif. Saoseo fosse da fare quasi tutta a piedi. Invece, poco prima di giungere al passo un segnavia svizzero indica un percorso ciclabile (probabilmente sistemato da poco) che permette di scendere abbastanza agevolmente con soltanto qualche brevissimo tratto a piedi.

Ultimo sole su lago di va Viola.
[IMG]http://img36.imageshack.us/img36/1584/p1000606o.jpg[/IMG]

Il rifugio Saoseo in val di Campo. Ormai mancano soltanto 5Km di veloce discesa.
[IMG]http://img36.imageshack.us/img36/2143/p1000608f.jpg[/IMG]

Alle 18:30 raggiungo l'auto al parcheggio di Sfazù.
[SM=g8079] [SM=g8100]
9/25/2009 6:48 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 811
Registered in: 3/30/2005
Senior User
OFFLINE
Sono a lavoro e ho potuto solo sfogliare velocemente (poi a casa lo leggerò, rileggerò e ririleggerò all'infinito).

S T R A O R D I N A R I O ! ! !

Questo giro (magari leggermente modificato, con un po' meno sterrato...) senz'altro lo metto in cantiere per il 2010!
Dev'essere proprio un giro adatto alla mia bici da ciclocross (non trovi anche tu?).

Grazie mille per l'idea che mi hai dato: oramai ho fatto così tanto lungo le Alpi che difficilmente trovo qualche giro inedito per me... Grazie veramente di cuore!!!

Emiliano
[Edited by -Emiliano- 9/25/2009 6:50 PM]
_____________________________

www.volleycornaredo.it

www.denisekarbon.it
www.lisamiskovsky.com
9/25/2009 9:46 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 537
Registered in: 1/2/2008
Senior User
OFFLINE

Grande!
Bellissima impresa, fantastiche foto!
Bello, bello bello!

Ciao!

[SM=g8080]

====================================================

Un'emozione in più è terra conquistata,
non possiamo chiedere certezze a questa vita (R.Z.)

E' il tempo, sai, che ci misura,
che ci fa uomini o soltanto frenesia (R.Z.)
9/25/2009 10:09 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 98
Registered in: 4/5/2009
Junior User
OFFLINE
Che meraviglia! Complimenti, grande impresa!! [SM=g8080] [SM=g8080]
9/25/2009 11:05 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 419
Registered in: 12/22/2004
Senior User
OFFLINE
Complimenti, bel giro e belle foto!
Ti correggo solo sul titolo: in val venosta non sei passato!

www.meranobike.it
9/26/2009 8:32 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 61
Registered in: 9/21/2006
Junior User
OFFLINE
Re: Breve riassunto del percorso più lungo e più bello della mia carriera ciclistica.
pala69, 25/09/2009 15.16:

Mercoledi, 23/09/2009

Dopo essermi oppurtunamente vestito (temperatura 5°) riparto per percorrere quasi tutta l'Engadina fino a Scuol (80km).
Lungo da discesa dal Bernina è d'obbligo la foto della testata della val Morteratsch. Immancabile un po' di nostalgia per il mio passato alpinistico quando ho scalato più volte quasi tutte le cime visibili.
[IMG]http://img43.imageshack.us/img43/6052/p1000562u.jpg[/IMG]



Questa foto mi fa tornare il rimpianto per non aver salito la Biancograt al Bernina.
Complimenti, magnifi giro cicloalpinistico per veri intenditori [SM=g8119]





==================================================
Dopo un bel giro un prosecco fresco non ha prezzo
9/26/2009 1:21 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 48
Registered in: 9/9/2008
Junior User
OFFLINE
x Emiliano.
Il giro è quasi interamente fattibile con la bici da ciclo cross.
Probabilmente dovrai percorrere a piedi qualche tratto in più ripetto a quelli percorsi da me in mtb. In particolare:
1) Il sentiero da alpe Astras a passo Costainas almeno 1km.
2) La parte finale della discesa in val Mora al massimo 3Km.
3) La prima parte della discesa dal passo di val Viola al massimo 2Km.
Sicuramente potrai comunque guadagnare tempo nel tratto Sfazu-S-Charl e nel tratto Fraele-Arnoga-rif. val Viola.

x carb level.
Non sono passato per la val Venosta, ma ad essere pignoli neppure per la Valtellina. Ho parlato di val Venosta e Valtellina perchè la val Poschiavo e la Valdidentro sono laterali della Valtellina mentre la val Monastero è una laterale della val Venosta.

Grazie a tutti per i complimenti.
9/26/2009 3:04 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 206
Registered in: 8/30/2007
Junior User
OFFLINE
Davvero notevole!!! Complimenti!

Ottima anche la scelta della MTB (mi hai messo ancora più voglia di prenderla...)
9/26/2009 3:36 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 500
Registered in: 2/7/2009
Senior User
OFFLINE


GRANDISSIMO [SM=g8080] [SM=g8080] [SM=g8080] [SM=g8080] [SM=g8080]

davvero notevole la tua impresa: quasi 200 km in mountain bike [SM=g8081]
9/26/2009 3:59 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 49
Registered in: 9/9/2008
Junior User
OFFLINE

Questa foto mi fa tornare il rimpianto per non aver salito la Biancograt al Bernina.


Sono già passati 12 anni da quando ho salito l'ultima volta la Biancograt. Temo che con l'attuale ritiro dei ghiacciai non sia più la stessa di una volta e l'accesso alla forcella di attacco sia diventato molto pericoloso. Sulla foto si vede bianca e bella ma soltanto grazie alle recenti nevicate settembrine. In Agosto l'avevo vista decisamente piu grigia e sporca.
9/26/2009 7:18 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
gise-go
[Unregistered]
COMPLIMENTI - GIRO STUPENDO
Che percorso e che scelta, non da tutti!!!!!
Biancograt: l'ho rifatto in agosto, ancora bello; l'accesso alla Fuorcla ora è attrezzato in quanto il nevaio è praticamente sparito.
Bravissimo
9/26/2009 9:45 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 1,941
Registered in: 8/29/2005
Veteran User
OFFLINE
Emozioni uniche, non trasmissibili, anche se immaginabili da chi ama e frequenta con passione la montagna!
Sono, e saranno solo tue, perchè solo tu le hai vissute! Te le porterai dentro...sempre!
...Da raccontare ai nipotini!
Complimentissimi Pala 69
Walter [SM=g8119]
9/26/2009 11:13 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 813
Registered in: 3/30/2005
Senior User
OFFLINE
Re:
gise-go, 26/09/2009 19.18:

Biancograt: l'ho rifatto in agosto...

Mitica gise-go: ma chi ti ferma?!?!?!

Emiliano
_____________________________

www.volleycornaredo.it

www.denisekarbon.it
www.lisamiskovsky.com
9/27/2009 3:16 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 99
Registered in: 7/3/2008
Junior User
OFFLINE
Ma che giro!
Uno spettacolo persino in foto, non oso immaginare dal vivo.
Sei un grande. La lettura del resoconto da farsi tutta d'un fiato.
Come l'hai studiato il percorso, conosci così bene quei luoghi?

9/27/2009 4:44 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 367
Registered in: 7/27/2005
Senior User
OFFLINE
Un altro mirabile esempio di ciclista esploratore dopo Emiliano!...

Il giro, pur conoscendo solo in parte i posti, mi sembra fantastico!

Tra l'altro questo tuo post casca a fagiuolo per domandare a voi due, come al resto dei forumisti, come la vedono un percorso di più giorni (in bdc) che preveda anche una quarantina di km di sterrato e una manciata di km da fare bici in mano su sentieri...

Non è proprio ortodosso, ma pensate abbia senso? Nella fattispecie dovrei muovermi da Kitzbuhel a Vipiteno, volendo evitare "inutili" chilometri e il Brennero e passare per il Salzachjoch (credo sia veramente un sentriero di montagna!) e per il Passo di Vizze.

Complimenti ancora per lo splendido reportage!
9/28/2009 9:20 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 420
Registered in: 12/22/2004
Senior User
OFFLINE
Re:
giocurio, 27/09/2009 16.44:

Un altro mirabile esempio di ciclista esploratore dopo Emiliano!...

Il giro, pur conoscendo solo in parte i posti, mi sembra fantastico!

Tra l'altro questo tuo post casca a fagiuolo per domandare a voi due, come al resto dei forumisti, come la vedono un percorso di più giorni (in bdc) che preveda anche una quarantina di km di sterrato e una manciata di km da fare bici in mano su sentieri...

Non è proprio ortodosso, ma pensate abbia senso? Nella fattispecie dovrei muovermi da Kitzbuhel a Vipiteno, volendo evitare "inutili" chilometri e il Brennero e passare per il Salzachjoch (credo sia veramente un sentriero di montagna!) e per il Passo di Vizze.

Complimenti ancora per lo splendido reportage!




Secondo me non ha senso con la bdc, con una mtb, magari con gomme semislik per i lunghi tratti su asfalto, è molto più divertente e fattibile

www.meranobike.it
9/28/2009 10:00 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 50
Registered in: 9/9/2008
Junior User
OFFLINE
x Mauro_72
Conosco abbastanza bene la Valtellina, un po' meno l'Engadina.
Del giro fatto (a parte il Bernina percorso più volte in automobile) avevo percorso soltanto la traversata da Valchava ai laghi di Cancano attraverso la val Mora per averla percorsa lo scorso Agosto in accoppiata con lo Stelvio.
Del passo Costainas sapevo soltanto che era un percorso abbastanza frequentato dai biker.
Del passo di val Viola conoscevo soltanto il versante svizzero, ma percorso soltanto a piedi: temevo infatti di dover percorrere un lungo tratto con la bici a spalla.
I dettagli poi si trovano con Google su internet.

xGiocurio
Io stesso non so come definirmi a livello ciclistico.
Non certamente un cultore della mtb, perchè mi piacciono anche i percorsi asfaltati e non cerco i sentieri difficili per la sola soddisfazione di compiere acrobazie nel percorrerli (anzi se per errore o necessità me ne trovo uno da percorrere lo faccio volentieri a piedi).
Non sono neppure un ciclista da strada in bdc, perchè l'essere obbligato a percorrere soltanto strade asfaltate (e spesso anche trafficate) mi priverebbe della libertà e della pace che cerco in montagna.
Come già anticipato da carb level che conosce il luoghi molto meglio di me utilizza una mtb il più possibile leggera, amortizzata solo anteriormente, con pneumatici semislick e stretti.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.3.6.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:33 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2014 FreeForumZone snc - www.freeforumzone.com